Suggerimenti per la gita di Pasquetta

04 Apr Suggerimenti per la gita di Pasquetta


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, string given in /membri/discettatorierranti/wp-content/plugins/facebook-button-plugin/facebook-button-plugin.php on line 731

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, string given in /membri/discettatorierranti/wp-content/plugins/facebook-button-plugin/facebook-button-plugin.php on line 734

Ci siamo quasi la Pasquetta si avvicina e per coloro che non avessero ancora deciso come trascorrere il proprio tempo vi suggeriamo delle cose che si posso fare decidendo anche all’ultimissimo minuto…

Iniziamo con l’elenco delle mostre, regione per regione, visitabili nei prossimi giorni

Elenco Beni Culturali

Tra le iniziative più gettonate ci sono sicuramente le escursioni naturalistiche e tutte le attività all’aria aperta

A Napoli potrete godervi la bellezza misteriosa dell’isola della Gaiola con la sua spiaggetta solitaria, oppure regalarvi un tour a bordo di barche dal fondo trasparente alla scoperta del Parco archeologico sommerso di Bacoli, dove il mare custodisce il segreto di antiche ville e ninfei.

Senza-titolo-1

Nel capoluogo partenopeo un’idea molto trendy è il Brunch di Pasquetta all’Arenile Reload di Bagnoli con musica, cibo, divertimento e spensieratezza. Insomma, una perfetta pasquetta in una spettacolare cornice.

Brunch di Pasquetta 2015 all’Arenile Reload, informazioni utili:
• Dove: Arenile Reload, Via Coroglio 14 b, Bagnoli, Napoli
• Quando: Lunedì 6 Aprile 2015, a partire dalle ore 12.
• Costo di ingresso: Fino alle ore 15, ingresso free, a seguire Euro 10.

Pasquetta in Natura all’Oasi “Bosco di San Silvestro”
Se siete dei tradizionalisti e non volete rinunciare alla gita fuori “porta” vi consigliamo l’Oasi WWF Bosco di San Silvestro” di San Leucio, a due passi da Caserta. L’Oasi sarà aperta al pubblico con tre turni di visite guidate alle 10,30, alle 11,00 e alle 17,00. I visitatori che verranno al mattino, con un contributo aggiuntivo di 2,00 € al costo della visita guidata, potranno consumare il loro pranzo a sacco nell’area di pic-nic, usufruire dei servizi e trascorrere una giornata serena a contatto con la natura. In considerazione del traffico che si registra in questo giorno, il cancello d’ingresso verrà tenuto aperto fino alle ore 11,30. Dopo quest’orario non sarà possibile entrare e pertanto si avvertono i ritardatari di astenersi dal telefonare e dall’insistere per essere ospitati. Info E Prenotazioni: 0823/361300 – 3291003808- 3477974488 www.laghiandaia.info

La Pasquetta Popolare all’ex OPG di San Eframo Vecchio
Dalle 10:00….. alle 22:00 di Lunedì 6 aprile 2015 un pasquetta in compagnia ma diversa. Organizzata all’interno ex ospedale psichiatrico abbandonato nel cuore di Napoli, nel quartiere Materdei, in via M.R. Imbriani 118 (sulle scale). E’per chi non vuole spendere un euro, vuole stare in compagnia e non vuole mettersi in macchina il lunedì di pasquetta. E allora cosa c’è di meglio che passare quella giornata al centro della città ma contemporaneamente fuori dal caos urbano, in un luogo occupato e sottratto al degrado, nei due stupendi porticati con giardini che stanno continuando a ripulire e sistemare e i pochi euro che spendete vanno in cassa per continuare i lavori e le attività? Dalla mattina sono lì con laboratori per bambini, tornei di calcetto, colazione popolare e andiamo in massa in giro per il quartiere a volantinare e invitare tutti a venire durante la giornata. Da ora di pranzo si apre la più classica delle braciate popolari no-stop: birretta, grappino, amaro, vino. Dal pomeriggio i Fukada Tree e MC Doppia C ci accompagnano con la loro musica fino a sera. Ovviamente partite di pallone senza confini. Info: Pagina Facebook

Concerto di Campane a Santa Chiara
lunedì 6 a partire dalle ore 17.00 il cortile di Santa Chiara accoglierà uno spettacolo particolare che nasce dalla collaborazione di Percussioni Ketoniche con la Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone. In scena circa 20 campane di bronzo intonate suonate da musicisti che interagiranno con percussioni, metalli e immagini, un viaggio musicale alla ricerca di un universo sonoro nuovo e straordinariamente ricco. L’evento vuole valorizzare le storiche campane presenti negli innumerevoli campanili cittadini. Lo spettacolo sarà reso ancora più originale dal fatto che con grande virtuosismo i musicisti inseriranno nella performance anche le campane del campanile di Santa Chiara. Le musiche eseguite propongono la rappresentazione di brani del primo medioevo, epoca in cui le campane da Chiesa sono state introdotte in Europa, fino al ‘900 con pezzi anche di Palestrina e Reich. Lo spettacolo rappresenta una “prova” per un grande festival delle campane che si svolgerà per il prossimo anno. Lo spettacolo si farà anche il giorno di Pasqua allo stesso orario

Fiera di Pasqua ai Decumani
Anche il giorno di Pasquetta nel centro storico e precisamente ai Decumani e a San Gregorio Armeno si svolgerà la “Fiera di Pasqua ai Decumani” un’iniziativa che ha come scopo quello di supportare le attività commerciali e turistiche del centro antico di Napoli e della nostra intera città. L’evento interesserà non solo i Decumani ma anche le piazze più suggestive del centro antico come piazza del Gesù Nuovo, piazza San Domenico Maggiore, piazza San Gaetano, Largo Corpo di Napoli; Piazza dei Girolamini. Ci saranno le botteghe dei pastori aperte, i percorsi del gusto e tante altre attività che accoglieranno turisti e visitatori per far conoscere meglio il nostro centro storico.

Gratis al Madre il Museo di Arte Contemporanea Donnaregina
Lunedì 6 aprile alle ore 11.00 e alle ore 17.00 al Madre ci sarà #Digita_Lucio una visita didattica gratuita per adulti. In occasione dell’ultimo giorno di apertura della mostra dedicata a Lucio Amelio, sarà possibile partecipare a una visita didattica durante la quale, assistiti dagli operatori didattici, i visitatori, muniti di smartphone e tablet, potranno condividere con l’hashtag #Digita_Lucio idee, interpretazioni e proposte, in una serie di tweet che il museo raccoglierà per dar vita ad un racconto 2.0 condiviso della mostra. Partecipazione gratuita alla visita fino ad esaurimento posti. Prenotazione consigliata. Ingresso gratuito al museo.

Fabula ardente. i campi flegrei visti dal mare
Lunedì 6 aprile 2015 (pasquetta), una giornata in barca alla scoperta della natura dei Campi Flegrei. Locus iste e Windfinders presentano: la storia, il mito, le leggende, la natura dei campi flegrei visti dal mare. Partendo da Pozzuoli si veleggerà sotto costa alla scoperta della storia di uno dei luoghi più affascinanti della Campania. Si scoprirà come la natura dei luoghi ha dato origine a miti e leggende che ancora aleggiano, ma anche come l’uomo ha scelto di colonizzare una terra cha ha chiamato appunto Campi Flegrei, campi ardenti.Ci sarà il pranzo a bordo con rientro nel pomeriggio prima del tramonto. Si consiglia abbigliamento a cipolla, cerata (k-way), cappellino, scarpette, crema solare. L’uscita si effettuerà solo in caso di condizioni meteo-marine favorevoli. lunedì 6 aprile 2015 (pasquetta). durata: intera giornata. appuntamento: porto di pozzuoli, presso il pontile mare blu (di fronte al ristorante il capitano) imbarcazione blue deep sun odyssey 40. contributo organizzativo € 60,00. Si ricorda che per motivi organizzativi la prenotazione deve avvenire obbligatoriamente entro e non oltre le ore 19.00 di venerdi’ 3 aprile ed esclusivamente attraverso contatto telefonico al 347-2374210

Passeggiata nella Valle dell’Inferno
Lunedì 6 aprile Econote in collaborazione con l’associazione Nesea Capri e l’associazione Vesuvio Natura da Esplorare ha organizzato una passeggiata nella Valle dell’Inferno. Grazie alla competenza della guida escursionista Giulia Pugliese verrà affrontato un percorso di media difficoltà che ci permetterà di ammirare e conoscere le bellezze naturalistiche del simbolo della nostra città. L’escursione parte dal comune di Ercolano, percorrendo Via Osservatorio fino al parcheggio di quota 1000m del Parco Nazionale del Vesuvio. Da lì imboccheremo il sentiero che porta all’interno della caldera del Monte Somma, denominato la Valle dell’Inferno, che degrada di circa 200m da quota 965m, distendendosi per circa 7 km. Per la natura del tracciato risulta essere il percorso ideale per osservare la tipica struttura geologica del vulcano-strato a recinto del Somma-Vesuvio, e per comprendere la natura del vulcano che, nel 79 d.C., distrusse con la sua eruzione Pompei ed Ercolano. Lungo il tracciato si raggiungerà prima l’Arena naturale, con l’“Occhio del Gigante” e poi i Cognoli bassi del Monte Somma, per osservare da un punto privilegiato la Piana Campana e Pompei, e ricostruendo con la storia gli eventi di duemila anni fa. All’interno della caldera, potremo inoltre osservare le falde il Vesuvio, il Cono Nuovo, la cui nascita segna la storia delle popolazioni che, in circa duemila anni, eruzione dopo eruzione, hanno convissuto con questo vulcano. Appuntamento ore 9:30 LabAMV in Via Osservatorio 55 Ercolano. Escursione di Km: 6 Durata: almeno 4h comprese soste. NB. il bivacco sul sentiero non è possibile, se non con una piccola merenda.Si consiglia- Abbigliamento: maglia di cotone, felpa antivento, pantaloni lunghi leggeri, maglia di ricambio, scarpe di ginnastica o dalla suola non liscia, cappello. Equipaggiamento: acqua, macchina fotografica. Quota Per L’escursione (che comprende contributo organizzativo, materiale informativo e guida escursionista): 15 euro + 5 euro tessera associativa ECONOTE per i nuovi soci (contributo non previsto per chi è già tesserato) prenotazione obbligatoria, evento attivato con un minimo di 10 partecipanti. info e prenotazioni: telefonare Econote 3398877884

Pasquetta sull’Erba alla scuderia dei Piccoli nell’Ippodromo di Agnano
Il programma di Pasquetta lunedi 6 aprile prevede una allegra giornata per godere assieme del prato più curato della città e di tanti giochi in libertà: il 6 aprile dalle ore 11 tutti in sella al pony!!!, poi dalle ore 14 giochi senza frontiere sull’erba (- formazione squadre – doppio turno: 6-10 anni; 11-99 anni) e ancora giochi come : la cavallina, il lancio del casatiello, corsa delle uova, staffetta buffa con cappelli e parrucche, corsa con i sacchi, tiro alla fune, corsa degli innamorati. Poi la premiazione. L’apertura cancelli è alle ore 10:30. L’ingresso in ippodromo si paga solo euro 2 per gli adulti ed è gratuito per i bambini. La scuderia dei piccoli prevede un costo attivita’ di 5 euro a bambino. Rimane l’accesso libero al prato, parco giochi, pizzeria (pizza e bibita euro 5), menù bambini al costo di 3 euro, bar (disponibilità cestini per pic nic), self service al Roof Garden Partenope con vista delle corse. Potete portare bici, pattini, monopattini e pallone info 338 469 8280

Passeggiate a cavallo nel Parco del Vesuvio
Speciale a Pasquetta con soli 10€ a persona Il Circolo Ippico Amico Cavallo offre delle passeggiate a cavallo nel Parco Nazionale del Vesuvio, in un ambiente protetto di grande interesse storico-geologico, con ben 9 sentieri che vi permetteranno di godere delle bellezze del complesso Somma-Vesuvio! Li non ci sono strade, corsie e carreggiate, ma solo sentieri da seguire e il Monte Somma fa da cornice in autunno, inverno, primavera ed estate nelle sue più belle espressioni che la natura ci offre. Provare almeno una volta la passeggiata con degli splendici e mansueti cavalli significa apprezzare tutto l’incanto dei luoghi e della natura del parco. Offerta valida solo per Lunedì 6 Aprile: 10 € a persona (sconto del 50%) Offerta valida dai 16 anni in su Info e prenotazione: 3711400034 o Pagina Facebook [Circolo Ippico Amico Cavallo] Via II Traversa Bosco, 80049 Somma Vesuviana (NA)

5 idee per la Pasqua ed il Lunedì dell’Angelo a Firenze

Lo Scoppio del Carro

Senza-titolo-2

L’appuntamento più atteso della Pasqua a Firenze è senza dubbio quello con il suggestivo Scoppio del Carro, che si svolge la domenica di Pasqua a partire dalle 10 circa. Lo Scoppio del Carro è una tradizione nata oltre 300 anni fa e oggi come allora vede come protagonista della cerimonia il “Brindellone”, un carro alto 9 metri che viene trainato dai buoi dal suo deposito in via Il Prato fino a Piazza Duomo. Attorno alle 11, durante la messa, l’Arcivescovo di Firenze accende e fa partire dall’altare la “Colombina” ovvero un razzo a forma di colomba (simbolo dello Spirito Santo) che correndo lungo un filo raggiunge il Brindellone e lo incendia, accendendo i fuochi d’artificio montati su di esso. Il carro infuocato è uno spettacolo che lascia a bocca aperta i turisti, ma anche gli stessi fiorentini, che attendono di veder ritornare la Colombina all’altare Maggiore. Secondo la tradizione infatti se la Colombina torna all’altare l’anno sarà positivo (un tempo era auspicio di buon raccolto nei campi).

Relax nei giardini

Senza-titolo-3

Chi preferisce godersi Firenze anche oltre i musei e le mostre, potrà optare per delle belle passeggiate baciate del sole primaverile, magari verso Fiesole, Settignano o le colline fiorentine o in uno dei meravigliosi giardini e parchi monumentali della città. Oltre al classico Giardino di Boboli ed al Giardino di Villa Bardini (il bardini è chiuso il Lunedì di Pasquetta ma il Boboli farà un apertura straordinaria) potrete ammirare la vista panoramica dal Giardino delle Rose, appena sotto Piazzale Michelangelo o, cambiando zona, fare un bel picnic nel Giardino dell’Orticoltura, senza dimenticare di affacciarvi ai vicini Orti del Parnaso.
Se amate camminare non perdetevi questi 3 itinerari a piedi alla scoperta del centro storico, dell’Oltrarno e di Piazzale Michelangelo e San Miniato, li trovate qui.

Una gita fuori porta

Senza-titolo-4

Tradizionalmente la Pasquetta è un giorno dedicato ad una bella gita fuori porta con gli amici e/o la famiglia, come recita il detto “Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi”. Se volete organizzare una gita avendo come base Firenze, non avete che da scegliere se orientarvi verso la campagna (ad esempio il Chianti), il mare (la vicina Versilia o la costa degli Etruschi, per esempio) od i borghi e città d’arte toscane. Le alternative sono ugualmente valide se vi spostate in auto, mentre se dovete fare affidamento solo su treni e bus (ricordatevi che il Lunedì di Pasqua è considerato un giorno festivo), allora potreste optare per Siena, Lucca, Pisa o Arezzo, che sono a circa un’ora di viaggio da Firenze.

A tavola
Conoscere un paese od una città significa entrare in contatto anche con la tradizione culinaria, non trovate? Al di là dei cibi e sapori che potete trovare tutto l’anno a Firenze, uno su tutti la famosa bistecca alla fiorentina, voglio darvi qualche indizio di ciò che potete trovare nei ristoranti della città (ed in generale in Italia) nei giorni di festeggiamento della Pasqua.
La bistecca cede il passo all’agnello, cucinato soprattutto arrosto, servito come piatto principale. Sulla tavola non possono mancare neanche le uova, che per tradizione vengono benedette durante la messa della Pasqua e mangiate da tutti i membri della famiglia (sempre più spesso nelle chiese vengono benedette anche le uova di cioccolato, senz’altro più apprezzate dai bambini, che le ricevono in regalo proprio in occasione della festa). Tra i dolci, che potete trovare anche nella maggior parte delle pasticcerie di Firenze, spicca la Colomba, un dolce lievitato con canditi, ricoperto di mandorle e glassa, che in Italia sta alla Pasqua come il Panettone ed il Pandoro al Natale.

Nel periodo della Quaresima un po’ in tutta la Toscana, nelle pasticcerie e fornerie potrete trovare il “pan di ramerino”, una sorta di panino dolce con ramerino e uvetta (per tradizione viene portato a benedire nella Messa del Giovedì Santo). Più tipici dell’area fiorentina sono i biscotti chiamati “quaresimali”, fatti con il cacao ed a forma di lettere, apprezzati soprattutto dai bambini.

Per avere altre suggerimenti su cosa fare in Toscana nei giorni di Pasqua, leggete questo articolo dedicato.

CALCATA

Senza-titolo-5

Siete mai stati a Calcata? Se la risposta è negativa cosa aspettate! Se invece già ci siete stati da queste parti non c’è occasione migliore per tornarci che l’inizio di primavera. Situata a Nord-Ovest della Capitale per raggiungere questo piccolo borgo medievale della sabina, adagiato su un cucuzzolo come un nido. La sua storia recente è quantomeno bizzarra: mentre alla fine degli anni ’70 rischiava di diventare un paese fantasma, è stato ripopolato da amanti della natura e vecchi hippie in cerca di una nuova casa. Così piano piano il paesino è tornato a vivere, arricchendosi di storie e personaggi, artisti che qui hanno aperto la loro bottega. Dopo un giro per Calcata e una mangiata in uno degli accoglienti ristoranti (ovviamente la prenotazione è obbligatoria), siete ancora in tempo per immergervi nel verde del Parco del Treja.

I Pratoni del Vivaro

Senza-titolo-6

Il Pratoni del Vivaro sono il luogo ideale per un pic-nic e per tante altre attività all’aria aperta. Anche qui siamo a una manciata di chilometri da Roma, nella vallata dei Colli Albani. I Pratoni sono circondati dalle cime più alte dei Colli Albani, il Monte Artemisio, il Maschio delle Faete e il Monte Cavo. Questa grande spianata pianeggiante nasce dal prosciugamento (avvenuto tra il 1936 e il 1953) di un piccolo laghetto, il Pantano della Doganella. Passo strategico in epoca antica, questa zona è viene citata da Tito Livio e Dionisio di Alicarnasso, da Strabone e Ovidio, che raccontano le vicende del passo dell’Algido. Oltre a passeggiare tra gli animali al pascolo e montare un bel pic-nic (ci sono anche delle aree attrezzate), potrete anche andare a cavallo rivolgendovi a uno dei maneggi della zona.

Bracciano e il suo lago

Senza-titolo-7

A nord di Roma, più o meno a metà strada tra la Capitale e Viterbo percorrendo la Cassia Veientana, c’è Bracciano con il suo lago. Il borgo che da nome al lago si specchia nelle sue acque e in alto troneggia il castello del ‘400, che nei secoli ha ospitato papi e imperatori, e ora è una delle cornice di esclusivi matrimoni come quello di Tom Cruise e Katie Holmes o di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker. Qui potrete mangiare o passeggiare in riva al lago e magari al tramonto arrampicarvi sulla cima del castello e godervi il panorama mozzafiato. Una valida alternativa è il più modesto lago di Martignano, molto amato soprattutto dai più giovani. Qui c’è un solo agriturismo ristorante e un maneggio, ma la natura è davvero incontaminata.

Villa d’Este

 Senza-titolo-8

Per chi vuole passare una pasquetta all’insegna della cultura c’è Villa d’Este, nel comune di Tivoli, è stata inserita nella lista dei siti Unesco patrimonio dell’umanità. Splendidamente mantenuta e curata con grande attenzione, Villa d’Este rappresenta uno scenario unico: giochi d’acqua, fontane, cascate artificiali, grotte e una rigogliosa vegetazione. Un giardino voluto nel 1550 dal Cardinale Ippolito II d’Este, è uno dei capolavori del Rinascimento italiano. Per il visitatore la villa è una scoperta continua dietro ad ogni angolo, un mondo incantato in cui ritrovarsi immersi.

Per chi rimane in città…

Senza-titolo-9

Per chi rimane in città, magari perché ancora troppo pieno dal pranzo di Pasqua, la Pasquetta la si può passare in giro per i musei capitolini, aperti eccezionalmente anche di lunedì, a piedi o in bicicletta per via dei Fori Imperiali completamente pedonalizzata. O organizzando un pic-nic in uno degli eccezionali polmoni verdi della città, dove grandi e piccini possono giocare a pallone o semplicemente godersi il sole di primavera sdraiati a chiacchierare con gli amici. Villa Ada, Villa Borghese e Villa Pamphili vi aspettano!

A Bomarzo, in provincia di Viterbo, si passeggia tra architetture impossibili e figure scolpite nella roccia che rappresentano mostri del nostro immaginario e immagini grottesche.

Senza-titolo-10

Le ville Venete, anche dette ville Palladiane, formano un itinerario ricchissimo, tra il Veneto e il Friuli Venezia Giulia. Si tratta delle tenute di campagna degli aristocratici della Repubblica Veneziana, la maggior parte edificata in stile barocco con parchi enormi da visitare.

Senza-titolo-11

In occasione della Pasquetta riaprono i parchi divertimento d’Italia e i grandi giardini privati. Tra le alternative Gardaland e il Giardino di Ninfa in provincia di Latina, a pochi passi da Roma.

BORGHI E PAESI
Pasquetta è un’ottima occasione per visitare i Borghi più belli d’Italia. Ogni regione della penisola ha dei piccoli gioielli medievali, decorati da scorci bellissimi e conditi con la genuina bontà della gastronomia tipica.

Senza-titolo-12

A La Scarzuola (Umbria) potrete visitare il luogo dove visse San Francesco d’Assisi e l’incredibile città ideale di Tomaso Buzzi, una gigante opera in tufo che rappresenta scenografie e monumenti relamente esistenti in una composizione scenica.

Senza-titolo-13