Quali sono i migliori vini della Campania ?

07 Gen Quali sono i migliori vini della Campania ?


Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, string given in /membri/discettatorierranti/wp-content/plugins/facebook-button-plugin/facebook-button-plugin.php on line 731

Warning: in_array() expects parameter 2 to be array, string given in /membri/discettatorierranti/wp-content/plugins/facebook-button-plugin/facebook-button-plugin.php on line 734

E’ uscita Vinibuoni d’Italia 2016, la guida Touring a cura di Mario Busso dedicata ai vini prodotti da vitigni autoctoni italiani.

Giunta alla 13a edizione, la guida si conferma con un duplice obiettivo: valorizzare le radici locali, il territorio e la tipicità; e dare indicazioni utili ai consumatori e al mercato, che apprezza sempre più i livelli qualitativi e il rapporto qualità-prezzo che gli autoctoni esprimono.
 
COME E’ FATTA LA GUIDA
Vinibuoni d’Italia è divisa in 23 capitoli regionali, con la divisione fra Trentino e Alto-Adige e l’inserimento di Istria-Croazia. In ogni regione i produttori sono indicati in ordine alfabetico e i vini segnalati sono solo quelli ottenuti al 100% da vitigni autoctoni.
Le commissioni regionali hanno degustato oltre 25mila vini per scegliere i migliori 4.300 (presenti nella guida). Tra questi, 652 hanno ottenuto il voto massimo, le 4 stelle; 467 vini hanno ottenuto la Corona, il massimo riconoscimento.
 
 
Per ogni vino selezionato la guida indica:
– la valutazione in stelle (da 1 a 4), più l’eventuale Corona o Golden Star attribuita
– il colore (rosso, bianco, rosato)
– la tipologia (fermo, brioso, frizzante, spumante, secco, dolce, liquoroso, passito)
– l’apprezzamento (da bere in tempi brevi, nel medio periodo o adatto all’invecchiamento)
– i prezzi (in enoteca o comunque nei punti vendita al dettaglio)
Per ogni cantina, oltre ai dati anagrafici (indirizzo, telefono, sito, email) e tecnici (numero di bottiglie prodotte e vitigni autoctoni coltivati) essenziali, è presente una breve descrizione. E’ espressamente indicato se c’è una struttura agrituristica dove pranzare, cenare o pernottare.
 
La guida Vinibuoni d’Italia 2016 ha 704 pagine e costa 22 euro al pubblico (sconto del 20% ai soci Tci).
Per saperne di più potete consultare il sito vinibuoni.it, per acquistarla basta andare su www.touringclubstore.com.
 
LA TOP TEN DELLA CAMPANIA
Quattro docg – aglianico del Taburno, fiano d’Avellino, greco di Tufo e taurasi – 16 doc (tra queste, Lacryma Christi del vesuvio, falanghina del Sannio e Capri), alta gradazione sia nei bianchi sia nei rossi. Il biglietto da visita della Campania racconta il sole di questa regione ed esalta l’Irpinia, il Casertano e la splendida Costiera amalfitana.
La Corone del 2016 in Campania sono 30: nessuno al Sud Italia è così titolato. Quello che sta terminando sembra l’anno del taurasi. la docg avellinese infatti ha raccolto ben 9 corone, surclassando numericamente le altre docg. E se nelle 30 Corone troviamo più rossi che bianchi, nella nostra top ten la proporzione è rovesciata.
Quattro vini ottengono il triplice riconoscimento (corona della critica, corona del pubblico, rapporto qualità-prezzo) e sono tutti bianchi. Gli altri sei li collochiamo idealmente su un gradino più basso. Ma parliamo comunque dell’eccellenza.
Vediamo dunque nel dettaglio
le dieci migliori bottiglie della Campania secondo la guida Vinibuon d’Italia 2016.
– Catalanesca del Monte Somma Igt Bianco Katà 2014
Cantine Olivella di Sant’Anastasia (Na), prezzo 10-12 euro
 
– Costa d’Amalfi Doc Bianco Terre Saracene 2014
cantina Ettore Sammarco di Ravello (Na), 8-10 euro
 
– Fiano di Avellino Docg  2014 (bianco)
cantina Coppi di Lapio, Lapio (Av), 14-16 euro
 
– Greco di Tufo Docg Vigna Cicogna 2014 (bianco)
cantina Benito Ferrara di Tufo (Av), 15-17 euro
 
– Campania Igt Aglianico Core 2013 (rosso)
cantina Montevetrano di San Cipriano Picentino (Sa), 14-16 euro
 
– Campania Igt Fiano Oi nì 2012 (bianco)
tenuta Scuotto di Lapio (Av), 20-22 euro
 
– Falerno del Massico Doc Rosso Rampaniuci 2010 (rosso)
tenuta Viticoltori Migliozzi di Carinola (Ce), 15-17 euro
 
– Sannio Doc Taburno Fiano 2014 (bianco)
Fattoria La Rivolta di Torrecuso (Bn), 10-12 euro
 
– Taurasi Docg Riserva La Loggia del Cavaliere 2009 (rosso)
tenuta Cavalier Pepe di Sant’Angelo all’Esca (Av), 31-33 euro
 
– Taurasi Docg Riserva Vigna Cinque Querce 2008 (rosso)
cantina Salvatore Molettieri di Montemarano (Av), 42-45 euro